MAL DI SCHIENA

MAL DI SCHIENA

Il mal di schiena o lombalgia, conosciuto in tutto il mondo come low back pain è un problema diffusissimo. Quasi tutti hanno avuto l'esperienza del dolore di schiena nel corso della vita. Questo dolore può variare da lieve a molto forte. Può essere di breve durata o di lunga durata. Tuttavia spesso la lombalgia può rendere difficile praticare molte attività della vita quotidiana.
 
Anatomia
Comprendere la colonna vertebrale e come funziona può aiutare a capire perché hai mal di schiena. La colonna vertebrale è costituita da piccole ossa, chiamate vertebre, che sono impilate una sopra l'altra. Muscoli, legamenti, nervi e dischi intervertebrali sono altre parti della colonna vertebrale.
 
Le vertebre
 
Queste ossa si collegano tra loro per creare un canale (il canale spinale) che protegge il midollo spinale. La colonna vertebrale è composta da tre sezioni che creano tre curve naturali della schiena: le curve della zona del collo (cervicale), la zona del torace e la parte bassa della schiena (zona lombare). La parte inferiore della colonna vertebrale (osso sacro e coccige) è costituita da vertebre che sono fuse insieme. Cinque vertebre lombari collegano la spina dorsale superiore al bacino.
 
Il midollo spinale e i nervi
 
Questi "cavi elettrici", viaggiano attraverso il canale spinale e trasportano i messaggi tra il cervello e muscoli. I nervi si diramano dal midollo spinale attraverso aperture nelle vertebre.
 
Muscoli e legamenti
 
Questi forniscono supporto e stabilità alla colonna vertebrale e alla parte superiore del corpo. Forti legamenti collegano le vertebre e aiutano a mantenere la colonna vertebrale in posizione.
 
Le faccette articolari
 
Tra le vertebre esistono piccole articolazioni che aiutano il vostro movimento della colonna vertebrale.
 
I dischi intervertebrali
 
I dischi intervertebrali sono strutture relativamente morbide che si trovano tra una vertebra e l'altra e permettono il movimento delle vertebre e ammortizzano i carichi. Quando si cammina o si corre, questi dischi fungono da ammortizzatori ed evitano che le vertebre urtino l'una contro l'altra. Le vertebre lavorano con le faccette articolari per aiutare il vostro movimento della colonna vertebrale, la torsione e la flessione (il piegarsi in avanti). I dischi intervertebrali che, come dice il nome hanno la forma di un disco, sono spessi circa mezzo centimetro. Essi sono costituiti da due componenti:
L'anello fibroso (o anulus fibroso): questo è un anello esterno del disco, duro e flessibile. Esso aiuta a collegare le vertebre tra loro.
Il nucleo polposo: questo è il centro morbido, gelatinoso dell'anello fibroso. Dà al disco le sue capacità ammortizzanti.
 
 
 
 
Descrizione
 
Il mal di schiena è diverso da una persona all'altra. Il dolore può avere un esordio lento o verificarsi improvvisamente. Il dolore può essere intermittente o costante. Nella maggior parte dei casi, il mal di schiena si risolve da solo nel giro di poche settimane.
Ci sono molte cause di lombalgia. Talvolta si verifica dopo un movimento specifico come il sollevamento di un peso o il semplice piegarsi in avanti. Anche l'invecchiamento svolge il suo ruolo. Quando invecchiamo, la nostra spina dorsale invecchia con noi. L'invecchiamento provoca alterazioni degenerative della colonna vertebrale. Questi cambiamenti possono iniziare già a 30 anni (o anche prima) e può renderci predisposti al mal di schiena, soprattutto se si esagera con le nostre attività o con lo sport. Questi cambiamenti dovuti all'invecchiamento, tuttavia, non impediscono alla maggior parte delle persone di essere attive, e in generale, di condurre una vita senza dolore. Abbiamo visto diversi maratoneti di 70 anni o più che, senza dubbio, hanno alterazioni degenerative della loro schiena ma continuano a correre senza problemi!
 
Eccesso di attività
 
Una delle cause più comuni di mal di schiena è il dolore muscolare da eccesso di attività. I muscoli e le fibre legamentose possono essere lesionati o eccessivamente stirati. Questo problema spesso è causato da quel primo allenamento o dalla prima partita di golf della stagione, o da lavori in giardino troppo pesanti o dallo spalare la neve in un giorno solo. Abbiamo tutti familiarità con questa "rigidità" e con il dolore nella parte bassa della schiena (e in altre zone del corpo) che di solito va via in pochi giorni.
 
La lesione discale
 
Alcune persone, invece, sviluppano un mal di schiena che non va via in pochi giorni. Questo, a volte, può significare che ci sia una lesione di un disco intervertebrale.
La lesione del disco: piccoli strappi alla parte esterna del disco (anello fibroso) a volte si verificano con l'invecchiamento. Alcune persone con le lesioni del disco non hanno alcun dolore. Altri possono avere dolore che dura per settimane, mesi o anche di più. Un piccolo numero di persone può sviluppare dolore costante che dura anni ed è molto invalidante. Perché alcune persone hanno dolori e altri no, non è ben chiaro.
Ernia del disco: Un altro tipo comune di lesione disco è un disco "protruso" o ernia.
Un'ernia del disco si verifica quando il suo centro gelatinoso (nucleo polposo) spinge contro il suo anello esterno (anulus fibroso).
 
  
 
Se il disco è molto usurato o danneggiato, il nucleo può spremere fino ad uscire fuori dall'anello fibroso. Quando l'ernia del disco sporge verso il canale spinale, produce una pressione sui nervi spinali sensitivi, causando dolore sia alla schiena ma molto spesso il dolore scende giù lungo i nervi arrivando ad interessare il gluteo, la coscia e la gamba fino al piede (questa condizione si chiama sciatalgia o sciatica). Il termine sciatica deriva dal Nervo Sciatico per l'appunto, che è il nervo interessato dalla compressione in questa patologia. Talvolta il dolore all'arto inferiore nella sciatica esiste senza dolore alla schiena ma il problema è vertebrale.
 
 
 
Spesso un'ernia del disco si verifica con un sollevamento, tirare su un peso, piegarsi in avanti o con movimenti di torsione.
 
Degenerazione discale 
 
Con l'età, i dischi intervertebrali iniziano a degenerare e si restringono. In alcuni casi, possono comprimersi completamente e causare lo sfregamento delle faccette articolari delle vertebre una contro l'altra. Il risultato è dolore e rigidità.
 
 
 
Questa "usura" delle faccette articolari è indicato come osteoartrosi. Questo può portare ad ulteriori problemi alla schiena, inclusi la stenosi lombare (vedi dopo).
 
Spondilolistesi degenerativa
 
Le modifiche ossee conseguenti all'invecchiamento e all'usura in generale rendono difficile per le articolazioni e per i legamenti, mantenere la colonna vertebrale in posizione corretta. Le vertebre si muovono più del dovuto, e una vertebra può scivolare in avanti sopra quella sottostante. Se si verifica troppo slittamento, le ossa possono iniziare a premere sui nervi spinali e causare dolore fino alla paralisi.
 
Stenosi spinale lombare
 
La stenosi lombare si verifica quando lo spazio intorno al midollo spinale si restringe e produce pressione sul midollo e sui nervi spinali.
 
 
 
Quando i dischi intervertebrali collassano e si sviluppa l'osteoartrosi, il vostro corpo può rispondere facendo crescere nuovo tessuto osseo nelle faccette articolari per contribuire a sostenere le vertebre. Nel corso del tempo, questa crescita eccessiva di osso (chiamata osteofiti) può portare ad un restringimento del canale spinale. L'artrosi può anche causare addensamento dei legamenti che collegano le vertebre, che possono contribuire a restringere il canale spinale.
 
Scoliosi
 
Questa è una curva anomala della colonna vertebrale che può svilupparsi nei bambini, più spesso durante l'adolescenza. Si può anche sviluppare nei pazienti più anziani che hanno l'artrosi. Questa deformità spinale può causare dolore alla schiena e anche dolori alle gambe, se si produce una compressione sui nervi.
 
Cause aggiuntive
 
Ci sono altre cause di mal di schiena, alcune delle quali possono essere gravi. Se avete una malattia vascolare o arteriosa, una storia di cancro, o di dolore che è sempre lì, nonostante aver diminuito il livello di attività o aver lavorato sulla postura, si deve consultare il medico.
 
Sintomi
 
Il mal di schiena è vario. Può essere tagliente o lancinante (colpo della strega). Può essere noioso, o può presentarsi come un crampo. Il tipo di dolore che avvertite dipenderà dalla causa del mal di schiena. La maggior parte delle persone trovano che stare inclinati indietro o sdraiati migliora il mal di schiena, a prescindere dalla causa che lo ha generato.
Le persone con mal di schiena possono sperimentare le seguenti esperienze:
  • Il mal di schiena può peggiorare durante il sedersi o l'alzarsi in piedi.
  • Stare in piedi e camminare può peggiorare il dolore.
  • Il mal di schiena viene e va, e spesso segue un naturale andamento ciclico, con giorni buoni e giorni cattivi.
  • Il dolore può estendersi dalla parte posteriore del gluteo o dalla zona esterna dell'anca, ma non lungo la gamba.
La sciatica è comune quando si soffre di un'ernia del disco. Questa si presenta con dolore gluteo e alle gambe, e persino intorpidimento, formicolio o debolezza che scende fino al piede. Questo dolore in genere è posteriore. E' possibile anche avere la sciatica senza soffrire di dolore alla schiena.
Indipendentemente dalla vostra età o dai sintomi, se il mal di schiena non migliora nel giro di poche settimane, o è associato a febbre, brividi, o perdita di peso inaspettato, è necessario consultare un medico.
 
Test e diagnosi
Anamnesi ed esame obiettivo

Dopo aver discusso i sintomi e la storia medica, il medico vi esaminerà la schiena. Il vostro medico vi guarderà la schiena e la spingerà su diversi lati per vedere se fa male. Il medico può farvi piegare in avanti, indietro e lateralmente per cercare limitazioni o dolore. Il medico può valutare la funzione dei nervi nelle gambe con uno speciale "martelletto". Ciò comprende il misurare i vostri riflessi alle ginocchia, alle caviglie ed ai piedi, nonché le prove di resistenza e i test di sensibilità con uno specifico ago o con uno spazzolino apposito. Questi test dicono al medico se i nervi sono gravemente colpiti oppure sono sani.
 
Esami di imaging
 
Altri test che possono aiutare il medico a formulare una diagnosi sono:
Raggi-X. Anche se visualizzano solo le ossa, semplici radiografie possono aiutare a determinare a fare diagnosi di un  gran numero di cause del mal di schiena. Mostrerà se le ossa sono rotte, i cambiamenti dell'invecchiamento, curve o deformità della schiena. I raggi X, però, non fanno vedere i dischi, i muscoli o i nervi.
 
La Risonanza Magnetica. Questo studio è  molto utile e può dare migliori immagini dei tessuti molli, come i muscoli, i nervi, e i dischi intervertebrali. Patologie come un'ernia del disco o un'infezione sono più visibili in una Risonanza Magnetica.
 
Tomografia assiale computerizzata (TAC). Se il medico sospetta un problema osseo, può consigliare una TAC. Questo studio è come una radiografia tridimensionale ed è molto preciso.
Scintigrafia ossea. Una scintigrafia ossea può essere consigliata se il medico ha bisogno di più informazioni per valutare il vostro dolore e per assicurarsi che il dolore non provenga da un problema raro come il cancro o infezioni.
 
Esame della densità ossea (MOC). Se l'osteoporosi è un vostro problema, il medico può consiglirvi un esame della densità ossea. L'osteoporosi indebolisce l'osso e lo rende più soggette a fratture. L'osteoporosi di per sé non dovrebbe causare dolore alla schiena, ma le fratture vertebrali dovute all'osteoporosi invece si. 
 
Trattamento
In generale, il trattamento per la lombalgia rientra in una delle tre categorie: farmaci, fisioterapia e chirurgia.
 
Trattamento non chirurgico
Dopo una attenta valutazione del ns. paziente viene proposta la soluzione più indicata per la risoluzione del suo problema.
Questa può essere farmacologica con assunzione di farmaci per via orale o anche di infiltrazioni nella zona di dolore con farmaci non steroidei, cortisonici o assigeno ozono terapia.

Molto importante anche la fisioterapia che da sola o abbinata può risultare un’ottima soluzione, alleviando il dolore tanto da consentirvi di effettuare tutte le vostre attività della vita quotidiana.

  • La fisioterapia consiste in svariate apparecchiature e tecniche che la competenza del fisioterapista abbinerà e proporrà per la soluzione del Vostro problema. Tra le più conosciute ed efficaci
  • tecarterapia
  • laserterapia
  • tens 
  • massaggi
  • elettroneuroregolazione
  • manipolazioni 
  • chiropratica 
  • esercizio fisico mirato,
  • ginnastica posturale 
  • stretching
 
 
 
 

Share:

Tags: Mal di Schiena

Richiedi un Appuntamento